I 10 lavori più odiati

Categoria:

altri professionisti

.   |   Articolo scritto da:

Staff

.

Una recente ricerca della CNBC ha studiato quali sono i mestieri più odiati negli USA.
Strano ma vero non si tratta di lavori di basso livello, mal pagati e/o scarsamente considerati: al contrario svettano nella classifica i ruoli manageriali, traguardo sognato dalle orde di laureati che ogni hanno vengono sfornati dalle Università di mezzo mondo...
Siamo forse all'alba di qualche cambiamento epocale di paradigma o é sempre stato vero che soldi e potere non danno la felicità?

Ma vediamo la classifica.

Al primo posto si trovano i Direttori dei Sistemi Informativi: anche se il loro peso negli Organigrammi aziendali é cresciuto in modo significativo negli ultimi anni, sono i più insoddisfatti del proprio lavoro. I motivi? Favoritismi, nepotismo e scarso rispetto per chi lavora.

Secondo posto per i Direttori Marketing e Vendite: pesano sull'insoddisfazione percepita la mancanza di direzioni chiare da parte del Top Management e le ridotte prospettive di crescita

Sull'ultimo gradino del podio ci sono i Product Manager: a dispetto del ruolo lamentano insoddisfazione per le limitate prospettive di crescita e la ripetitività delle attività da impiegato. 

Quarto posto per gli Sviluppatori Web Senior: la scarsa conoscenza della tecnologia e l'incapacità di comunicazione da parte dei propri datori di lavoro li rende frustrati e scontenti.

Al quinto posto ci sono gli Specialisti Tecnici, che ritengono che le loro competenze non sia adeguatamente valorizzate.

Sesto posto per i Tecnici Elettronici, generalmente poco motivati per le scarse possibilità di carriera offerte dal ruolo e gli orari di lavoro e generalmente 

Al settimo posto ci sono gli Assistenti ai Giudici della Corte (Law Clerk): professione tipica della professione forense americana é poco amata per il lungo numero di ore di lavoro che richiede ed una retribuzione non all'altezza: tuttavia é ancora uno dei mestieri più ambiti dai migliori laureati in Legge.   

Ottavo posto per gli Analisti del Supporto Tecnico: la gestione telefonica o on-site di clienti arrabbiati o in panico per qualche problema tecnico rende il mestiere decisamente poco gratificante, spesso considerando che queste persone possono lavorare in regime di reperibilità ed essere costrette a lasciare weekend e vacanze per risolvere il problema del cliente.

Al nono posto troviamo gli Operai specializzati nella gestione di macchine a controllo numerico: sembra che la tecnologia, in questo caso, abbia tolto ogni brio ad un lavoro un tempo manuale (e certamente più faticoso e pericoloso per la persona). La scarsa possibilità di avanzamenti di carriera e la ripetitività delle attività abbatte la motivazione e aumenta l'insoddisfazione

Chiudono la classifica i Marketing Manager, che si ritengono spesso insoddisfatti per la mancanza di direzione ricevuta dal Top Management.

 

Seguici su Twitter
Dicono di noi
Segui il blog