Come calcolare la tredicesima dei lavoratori domestici: colf, badanti e babysitter

Categoria:

babysitter

.   |   Articolo scritto da:

Staff

.

I lavoratori domestici sono una parte importante degli utenti su GliAffidabili.it. Pertanto, come sempre, riteniamo giusto divulgare un documento di sintesi che possa aiutare i nostri iscritti a comprendere meglio la loro situazione lavorativa.

Non molto tempo fa avevamo parlato di come mettere in regola una baby sitter. Con questa guida invece vogliamo approfondire l’argomento illustrando in maniera più semplice e più chiara possibile la procedura per il calcolo della tredicesima.

Come risaputo, badanti, babysitter e colf, tutte professioniste che offrono servizi alla famiglia, hanno diritto ad una tredicesima e a delle ferie pagate. Non parliamo di somme ingenti, ma di questi tempi possono sempre fare comodo.

Vediamo quindi quali sono le disposizioni dell’INPS sull’argomento.


La tredicesima

Entro la fine del mese di dicembre, ogni datore di lavoro domestico ha il dovere di corrispondere la tredicesima mensilità al suo dipendente. L’indennità varia in base ai mesi di servizio effettivamente erogati da parte di badanti e colf durante il corso dell’anno.

Per il calcolo però bisogna fare distinzione tra i lavoratori assunti a tempo pieno e quelli invece assunti ad ore. Ma in ogni caso, la logica che sottende il calcolo è sempre la stessa: la tredicesima è pari ad un dodicesimo dell’intera retribuzione annua.

I lavoratori domestici a tempo pieno:

Per i lavoratori assunti a tempo pieno, è sufficiente moltiplicare la retribuzione mensile per il numero di mesi erogati diviso 12 (il numero di mesi in un anno).
Per quei lavoratori che, pur essendo assunti a tempo pieno, non stanno erogando il loro servizio da almeno un anno, si ricorda che ogni mese di lavoro in cui vengono prestati 15 o più giorni di servizio viene considerato a tutti gli effetti un mese intero (si arrotonda per eccesso).

Formula:

Tredic.= (Numero di mesi erogati * Retribuzione mensile)/12

Esempi:

1. Numero di mesi erogati: 12; Retribuzione mensile: €700;
Tredicesima = (12*700)/12 = €700
2. Numero di mesi erogati: 3 mesie 16 giorni; Retribuzione mensile: €700;
Tredicesima = (4*700)/12 = €233
3. Numero di mesi erogati: 9 mesi e 12 giorni; Retribuzione mensile: €700;
Tredicesima = (9*700)/12 = €525


I lavoratori domestici ad ore:


Invece, per tutte le badanti, colf e babysitter assunte ad ore la formula è leggermente diversa. In questo caso infatti è necessario moltiplicare lo stipendio settimanale per il numero di settimane di prestato servizio in un anno e dividere per 12 (numero di mesi in un anno). Dove lo stipendio settimanale è dato dalla paga oraria per il numero di ore di servizio prestato a settimana.

Formula:

Tredic. = (Paga oraria* ore settimanali erogate *  settimane di lavoro in un anno)/12

Esempi:

Ore settimanali erogate: 20; Retribuzione oraria: €7; Settimane erogate: tutto l’anno
Tredicesima = (20*7*52)/12 = €607
Ore settimanali erogate: 20; Retribuzione oraria: €7; Settimane erogate: 40
Tredicesima = (20*7*40)/12 = €467

Nel caso in cui il rapporto di lavoro sia discontinuo, il numero di ore settimanali non è fisso, il calcolo della tredicesima si fa un po’ più complicato. In questa situazione infatti il valore totale della tredicesima si ricava dalla divisione dell’intera retribuzione annuale per 12 (numero di mesi in un anno).

Inutile sottolineare che ai fini del calcolo complessivo, non si ha diritto ad escludere le assenze per maternità, malattia ed infortunio. Inoltre non è nemmeno richiesto il versamento dei contributi INPS perché già conteggiati sulla paga oraria del dipendente.


I lavoratori domestici su GliAffidabili

Sei una babysitter, una badante, una colf, un cameriere o un cuoco? Iscriviti su GliAffidabili  e ricevi richieste di lavoro da parte di utenti interessati ai servizi che offri.

Sei alla ricerca di un professionista affidabile? Inserisci la tua richiesta e ti metteremo in contatto con i nostri utenti, affidabili perché valutati da chi li ha provati.