Fare la babysitter, secondo me

Categoria:

babysitter

.   |   Articolo scritto da:

romina.c.

.

Prestare cura e attenzione a dei bambini non è cosa da poco. E non solo perché i bimbi, si sa, sono vivaci e imprevedibili, ma anche e soprattutto perché hanno bisogno di sentirsi accolti, seguiti, costantemente e con pazienza.
La cosa più bella del lavorare come babysitter è proprio questa. Dentro c'è tutto un mondo. E si scoprono pian piano le mille possibilità di questo lavoro: permette di accudire i bimbi aiutandoli allo stesso tempo ad aprirsi con una persona nuova, a socializzare, permette di rafforzare la sicurezza dei più piccoli nel loro modo di esporsi.
E' un lavoro pieno, colmo, stracolmo di responsabilità, in cui guasta affatto tenere bene a mente gli aspetti imprescindibili:
1- preparazione e formazione continua, personale. Non è un ruolo che può essere improvvisato, quello della babysitter: si ha a che fare con l'equilibrio psico-fisico del bambino, con la sua salute. Occorre un bagaglio culturale che comprenda le problematiche e le situazioni dell'infanzia, che permetta di relazionarsi con il bambino nel modo più corretto e sano possibile per lui, e che consenta di non sottovalutare l'importanza del gioco e di ogni attività;
2- attenzione estrema all'incolumità fisica dei piccoli, con la capacità di gestire prontamente ogni eventuale situazione, per la loro sicurezza;
2- importanza del coinvolgerli, dell'ascoltarli, del giocare assieme a loro. Non è sufficiente proporre giochi "a" loro, bisogna giocare "con" loro;
3- rispetto del loro carattere e delicatezza nell'affrontare ogni situazione ed ogni loro reazione;
4- pacatezza, dolcezza: un carattere positivo e propositivo aiuta il bimbo ad aprirsi e ad acquisire maggior sicurezza in se stesso, mentre si rapporta con una figura esterna al nucleo familiare;
5- sorriso, allegria, ottimismo nel gioco e in ogni momento della giornata;
6- educazione e rispetto nei confronti della famiglia: la babysitter non sostituisce nessuno, né può arrogarsi il diritto di prendere arbitrarie decisioni; la madre e il padre sono il tesoro più prezioso per il bimbo, così come il bimbo lo è per loro.
Ciò che conta realmente, però, è l'amore che si mette in questa professione. Se la si svolge con passione, mettendo sempre al centro i bimbi e le loro necessità, sarà un'esperienza positiva per i piccoli, per la loro famiglia e anche per chi metterà a disposizione il proprio tempo.