Andare dal dentista senza paura

Categoria:

dentista

.   |   Articolo scritto da:

passarettip

.

Oltre i bambini, anche molti adulti, non riescono con facilità ad accostarsi alle cure dentistiche, e si
riducono ad andare e sedersi in poltrona solo in situazioni di emergenza, correndo il rischio di trascurare un
organo così importante per la salute e la bellezza, come è la bocca. Tutto ciò talvolta nasce da brutte
esperienze subite da bambini, quando c'erano pochi dentisti specializzati in pedodonzia, ed i generici
facevano quello che potevano, del loro meglio, ma spesso tutto diventava un vero incubo. Per queste
persone, ma anche per tutti gli altri, c'è la tecnica della sedazione cosciente. E' rivolta a tutti, perchè in
realtà per NESSUNO, la seduta dal dentista è una passeggiata. Questa semplice tecnica permette di respirare col naso un aereosol da una mascherina, e entrando in una situazione di sedazione, pur rimanendo coscienti,
collaboranti e vigili. Questo aereosol è composto da sostanze assolutamente innocue infatti si usano su
bambini molto piccoli, su pazienti che hanno avuto infarto, ictus, ipertensione, in soggetti asmatici o
epilettici, perchè abbassando lo stress e l'adrenalina, diminuisce radicalmente i rischi legati a questi stati di
salute.
Scomparendo la paura, si instaura una situazione di relax, allontanando l’intolleranza dello specchietto in
bocca e accettando più volentieri anche le ingombranti impronte senza nausea, non accorgendosi
nemmeno del momento in cui viene effettuata l'anestesia. Si toglie una grande parte del dolore tanto che si
possono effettuare interventi anche senza anestesia, e tutto il rapporto col dentista e la sua poltrona
migliora radicalmente. Non dà allergie, e l'aereosol che viene respirato, è composto da altissima
percentuale di ossigeno, e una parte di protossido (variabile da persona a persona) che è un gas che non
viene metabolizzato dall'organismo, perchè al contrario dei veri farmaci, questo non impegna fegato e reni
nello smaltimento, e viene eliminato totalmente con il respiro nel giro di tre minuti. Questo significa anche
che il paziente è sempre in grado di poter ritornare a casa senza alcune conseguenze e senza alcun
accompagnatore, in quanto la sedazione svanisce nell’arco di 3 minuti.